I consigli di Gilberto

Gilberto è Fattoria Coazzette!

Questa è la torta che ho fatto usando le sue mele cotogne.

Nel basso mantovano in località Coazze, là dove solo le nutrie osano…si scherza ovviamente (anche se il suo cane è un ottimo cacciatore di castori di palude), c’è questa azienda agricola biologica che vuole bene alla terra…ma davvero!

No alla coltura intensiva, sì alla rotazione delle colture: bilanciamento energetico, controllo delle erbe spontanee e processo di concimazione trasparente; l’acqua presa dal loro pozzo che volendo te la puoi anche bere. E i suoi prodotti lo sentono e te fanno sentire anche a te che li compri che sono felici di crescere lì!

Questa volta non scherzo! Penso davvero che la frutta e la verdura, trattati con la cura e con l’amore, l’impegno e la dedizione che ci mette Gilberto – in armonia con la natura e coi suoi processi – siamo poi ancora più buoni quando arrivano sui nostri piatti e cuociono nella nostre pentole.

Te entri nel suo gazebino e se non lo trovi lì puoi anche suonare il campanello e lui sbuca diretto dalla campagna…perché il bottone è collegato al suo numero di telefono e lui arriva! Qui siamo all’agricoltura 4.0, altro che il contadino cerca moglie!

Coazzette c’ha il sito internet e anche la app per prenotare la spesa…mica pizza e fichi!

Beh dicevo…entri nel chiosco e i suoi prodotti ti parlano: “prendi me, no scegli me, non puoi non mangiare me, profumo di più io, io sono più saporita!” Sì, ecco! Da Gilberto la roba ha delle proprietà a noi quasi ormai sconosciute…pensate…ha dei sapori e dei profumi, quelli propri della terra! Quindi la carota sa di carota, la zucchina di zucchina, la mela di mela, la pera di pera, ecc…sul serio, è disarmante! Per noi generazione omologata nei gusti, Gilberto è quasi da Area 51! Un contadino alieno!

E poi i suoi sono sempre consigli davvero preziosi! Sì perché lui ti parla, si confronta, ti spiega come fare meglio questo o valorizzare quell’ altro prodotto. Mi sono trovata più volte a chiedergli come si chiama un frutto o una particolare varietà e lui le conosce tutte! Le conosce talmente bene ed è così in confidenza con loro che a volte gli dà pure un nome.

Vi auguro, ad esempio, di assaggiare una delle sue cocomere Fashion! …io non potevo non provarle…che ve lo dico a fare!

Mi piace usare i suoi frutti e la sua verdura per cucinare ricette buone e sane! Perché poi le mangio e resto buona e sana anche io! …che se devo finire concime voglio che sia Triple A, three Michelin stars, cinque stelle superior luxury resort!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *